anestesia-dentale

L’anestesia dentale può causare effetti collaterali?

  • 3.4/5
  • 5 ratings
5 ratingsX
Very bad! Bad Hmmm Oke Good!
20% 20% 0% 20% 40%

L’anestesia che viene somministrata dall’odontoiatra permette di addormentare localmente la parte su cui lo specialista deve intervenire. Questa sedazione ti permette di rimanere cosciente ma soprattutto di superare la paura del dentista che spesso tiene lontano dalla poltrona. Curare i denti prima che il danno sia irreversibile è fondamentale: infatti non recarsi nello studio dentistico per curare una carie o altre patologie può portare problemi più grandi e causare la perdita di uno o più elementi dentali. La paura del dentista è insita nell’uomo ma, oggi, grazie a tecniche sempre più evolute, il dolore è definitivamente sconfitto e la salute garantita.

 

 

L’anestesia locale: i casi in cui si utilizza di routine

Nel caso tu debba sottoporti ad un intervento per curare una carie, procedere all’estrazione dentale o inserire un impianto per sostituire uno o più denti, non proverai alcun dolore perché in queste situazioni mediche è praticata localmente l’anestesia dentale. Ma come funziona? Le tecniche di anestesia impediscono che il dolore arrivi al cervello grazie ad una iniezione di anestetico che viene praticata vicino ai nervi responsabili della sensibilità. In pochi minuti la zona in cui il dentista deve intervenire è anestetizzata e l’effetto dura alcune ore permettendo allo specialista di lavorare con calma e a te di non soffrire.

 

 

Gli effetti indesiderati sono possibili?

Forse, a questo punto, ti starai domandando se l’anestesia comporta degli effetti collaterali o dei rischi per il paziente. Come sai nel caso di anestesia generale, praticata per via endovenosa prima di un intervento operatorio, deve essere presente un anestesista. La figura di questo specialista non è richiesta, invece, con i farmaci che riguardano l’anestesia dentale, utilizzati localmente dal dentista.

Tieni presente, però, che possono esserci alcuni effetti collaterali come l’intorpidimento del viso e della bocca, il formicolio più o meno accentuato nel momento in cui l’effetto inizia a svanire o la formazione di un ematoma nella zona in cui è stata praticata l’iniezione. Molto raramente alcuni pazienti possono accusare emicrania, senso di vertigine e indebolimento generale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie . Il non consenso porta al non corretto funzionamento di questo sito web. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi